Corso ORGANO - INTERPRETATIVO (biennio)

Pannello di gestione del corso per l'A.A. 2021/2022

DCPL
DCSL38  
Dipartimento
Strumenti a Tastiera e Percussioni  
Titoli d'accesso

Diploma accademico di I livello o titolo equivalente; oppure: Diploma dell’ordinamento previgente alla L. 508/99, purché congiunto al possesso del diploma di scuola secondaria di secondo livello.
È ammessa l’immatricolazione "con riserva" se il titolo richiesto sarà conseguito entro l’ultima sessione dell’anno accademico precedente a quello di immatricolazione.
Per gli studenti stranieri (comunitari e non comunitari) è richiesta la conocenza della lingua italiana che verrà accertata tramite apposito test
 
Durata
2 anni  
Ore obbligatorie
384 ore  
Modalità esame di ammissione
A causa dell'emergenza Coronavirus tutti gli esami di ammissione all'a.a. 2021/2022 si svolgeranno nella modalità "a distanza"

PROVA UNICA

Programma d’esame

a) esecuzione di un movimento (allegro o vivace) tratto dalle Sonate in trio BWV 525/530 di J. S.Bach
b) esecuzione di una composizione romantica o moderna

Modalità di invio registrazione
 
Debiti attribuibili

Per i soli studenti immatricolati al primo anno di un corso di Diploma accademico (triennio o biennio) è previsto il test di accertamento delle competenze di base per alcune specifiche discipline. Il test si svolge successivamente all'immatricolazione, in genere nel mese di ottobre.
Per maggiori informazioni consultare la pagina Accertamento competenze di base  
Obiettivi formativi

Al conseguimento del titolo i Diplomati Accademici di II livello in ORGANO indirizzo interpretativo hanno sviluppato:
• personalità artistica e elevato livello professionale che consente loro di realizzare ed esprimere i propri concetti artistici
• approfondita conoscenza di stili, prassi e tecniche strumentali/interpretative del repertorio organistico storico come della contemporaneità, tale da consentire loro di prodursi in una vasta gamma di contesti differenti
• una piena padronanza degli stili e delle tecniche compositive del repertorio musicale storico come della contemporaneità nella sua molteplicità, tale da consentire loro di prodursi in una vasta gamma di contesti differenti
capacità:
• o di interpretare con una cifra distintiva e personale musiche del repertorio organistico dei secoli XVI, XVII, XVIII, XIX,XX, XXI
• o di fornire adeguatamente il proprio apporto con professionalità artistica sia in qualità di solista, o di strumentista sia in gruppi cameristici, sia in compagini orchestrali
• di comporre musiche in vari ambiti, stili e con una cifra distintiva e personale, nonché di sviluppare ulteriormente e autonomamente le proprie tendenze estetiche in una particolare area di specializzazione
• o di dirigere compagini cameristiche interpretando con una cifra personale il repertorio musicale storico come contemporaneo
• o di sviluppare ulteriormente e autonomamente le proprie tendenze estetiche in una particolare area di specializzazione
 
Sbocchi occupazionali

• strumentista solista;
• strumentista in formazioni orchestrali da camera e sinfoniche;
• attività di collaborazione con cori e solisti;
• attività legate alla valorizzazione artistica della pratica musicale in ambito liturgico e paraliturgico.
 
Tipologia e modalità prova finale

Lo studente si esibirà in un récital (durata minima 40 minuti), il cui programma, scelto dallo stesso candidato, verterà sull'approfondimento di un particolare repertorio tematico o monografico inerente i compositori, le forme e i diversi stili europei dei secoli XVI, XVII, XVIII, XIX, XX, XXI.

 
Crediti prova finale
10  
Scala della media ponderata
110  
Creazione
26/03/2021  
Ultimo aggiornamento
16/04/2021