Insegnamento "Prassi esecutive e repertori - Batteria e Percussioni Jazz II [Triennio]"

Pannello di gestione dell'insegnamento per l'A.A. 2019/2020

Nome inglese
Performance practice and repertoires - Jazz drums and percussions II  
Codice
COMJ/11  
Area FIT
 
Ore
24  
Frequenza minima
80%  
Frequenza minima (debito)
80%  
Obiettivi formativi

Perfezionamento degli aspetti tecnici e strumentali inerenti al linguaggio jazzistico
nel periodo BeBop e successivi (1940 - 1960) con particolare cura sull'aspetto Musicale intrinseco ovvero del ruolo di responsabilità che il Batterista Jazz ha nel contesto di Gruppo
 
Programma del corso

II Anno Triennio
Studi Tecnici (Coordinazione e Indipendenza).
Discipline di conoscenza Storico-Stilistica del periodo Be Bop, Hard Bop e West Coast (Cool Jazz).
Tecniche di Lettura Ritmica ad interpretazione Jazzistica.
Approfondimento della tecnica delle spazzole;
Approfondimento della tecniche che prevedono l’uso della poliritmia sui quattro arti e la loro applicazione al linguaggio e repertorio jazzistico.
Trascrizione e analisi di soli, ritmi tratti dal repertorio;
 
Programma d'esame

1) Tamburo: (studi tecnici e lettura ritmica)
• esecuzione di uno dei seguenti esercizi tratti dal metodo “Modern rudimental swing studies” di Charles Wilcoxon: pag. 14 “Rolling in Rhythm” e dal metodo “The solo Snare Drummer” di Vic Firth pag.3 n.1
• Esecuzione di due brani per tamburo scelti dalla commissione tra i primi quaranta studi da “The 150 Rudimental solos” di C. Wilcoxon.
• Esecuzione del Ritual Rudiments, tratto dal metodo “ The Drummer’s Complete Vocabulary “ di Alan Dowson da pag 11 a pag. 20
2) Batteria: (Coordinazione e letture interpretate)
• Esecuzione di uno studio tra due tratti da: Advanced Indipendence for the jazz drummer di Jim Chapin: solo IV C pag 42 e da, “ The art of Bob Drumming” diJ Riley: studio pag 29
• Esecuzione di due studi scelti tra 4 presentati dal candidato, tratti da “Sincopation” di Ted Reed” , da “ Modern Reading Text” di Louis Bellson, da “The art of Bob drumming” di John Riley, o da dispense manoscritte e redatte dal docente, con relative Interpretazioni concordate durante le lezioni.
3) Trascrizione:
• Esecuzione della trascrizione di un brano, o parti d’improvvisazione, effettuata dallo studente, concordata con il docente. Se richiesto, il candidato dovrà saperne cantare la melodia, individuare la collocazione storica, gli autori e l’incisione a cui si fa riferimento.
4) Studi di Lettura per Batteria:
• Esecuzione di un brano scelto dalla commissione fra 3 concordati con il docente e tratti dai metodi: “ 8 man in search a drummer" di John La Porta e Charles Perry, da “Sittin’in with the big band” Volume 2 (Music Minus One) e da minus one tratti da The art of Bob Drumming” diJ Riley.
5) Esecuzione sul set di 2 Standard scelti dalla commissione tra 15 presentati dal candidato. Lo studente dovrà esporre il tema interpretandone la linea melodica ed eseguendo un solo sulla struttura.
6) Solo Libero:
• Esecuzione di un brano composto dal candidato per batteria sola, con obbligo dell’uso delle spazzole per una parte o la totalità del brano, a discrezione dell’esecutore.
(è consentita l’elaborazione e lo sviluppo della linea ritmico-melodica di uno standard concordato con il docente)
7) Lettura a prima vista (lettura ritmica o partitura per Batteria di difficoltà adeguata al livello)

Note e osservazioni

N.B.: Durante l’esame, l’esecuzione degli standard o del repertorio monografico sarà può coadiuvata dall’ausilio di supporti audio (minus one- Aebersold) di pertinenza dell’esaminando.  
Competenze in uscita

Al termine degli studi relativi al Diploma Accademico di primo livello in Batteria e percussioni jazz, gli studenti devono aver acquisito le conoscenze delle tecniche e le competenze specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica. A tal fine sarà dato particolare rilievo allo studio del repertorio più rappresentativo del canto per la popular music ‐ incluso quello d’insieme ‐ e delle relative prassi esecutive, anche con la finalità di sviluppare la capacità dello studente di interagire all’interno di gruppi musicali diversamente composti. Tali obiettivi dovranno essere raggiunti anche favorendo lo sviluppo della capacità percettiva dell’udito e di memorizzazione e con l’acquisizione di specifiche conoscenze relative ai modelli organizzativi, compositivi ed analitici della musica ed alla loro interazione. Specifica cura dovrà essere dedicata all’acquisizione di adeguate tecniche di controllo posturale ed emozionale. Al termine del Triennio gli studenti devono aver acquisito una conoscenza approfondita degli aspetti stilistici, storici estetici generali e relativi al proprio specifico indirizzo. Inoltre, lo studente dovrà possedere adeguate competenze riferite all’ambito dell’improvvisazione. E’ obiettivo formativo del corso anche l’acquisizione di adeguate competenze nel campo dell’informatica musicale e quelle relative ad una seconda lingua comunitaria.  
Bibliografia

Modern rudimental swing studies di Charles Wilcoxon
The 150 Rudimental solos di C. Wilcoxon.
The solo Snare Drummer” di Vic Firth
Sincopation di T. Reed
Modern Reading Text di Louis Bellson
Art of Bop Drumming” di J.Riley,
8 man in search a drummer" di John La Porta e Charles Perry
Sittin’in with the big band” Volume 2
The Evolution of Jazz Drumming di Danny Gottlieb
Philly Drum di Bill Douglass
Brush Artistry di Philly Joe Jones
Polyrhthms di Peter Magadini
The Jazz Drummer’s Workshop di John Riley
Dispense manoscritte, o redatte dal docente, di studi aggiuntivi,
Cartelle audio da archivio del docente, per ascolto e analisi
Cartelle video da archivio del docente, per visione e analisi
 
Iterabile
No  
Idoneità
No  
Livello
Triennio  
Collettivo/individuale
Individuale  
Debiti
No  
Mutuabile
Sì  
Accumulo ore
No  
Attivo
Sì  
Creazione
20/03/2019  
Ultimo aggiornamento
24/05/2019  

Crediti assegnati per tipologia

Tipologia A 0 Crediti
Tipologia B 12 Crediti
Tipologia C 0 Crediti
Tipologia D 0 Crediti
Tipologia E 0 Crediti
Tipologia F 0 Crediti