Offerta Formativa per il corso di CHITARRA (triennio)

Pannello di controllo per il piano di studi consigliato

DCPL
09  
Dipartimento
Strumenti ad Arco e a Corda  
Titoli d'accesso

• Diploma di scuola secondaria superiore o titolo equivalente;
• Possono essere ammessi ai corsi di Diploma accademico di I livello in caso di spiccate capacità e attitudini, studenti privi del diploma d’istruzione secondaria superiore, che andrà comunque ottenuto prima del conseguimento del diploma accademico.
 
Durata
3 anni  
Modalità esame di ammissione

Il candidato dovrà preparare:
1) studi: tre studi tratti dal seguente repertorio (uno da un gruppo e due dall’altro):

Primo gruppo
• Fernando Sor, studi op. 6, op. 29, op. 31 (dal n. 15 al n. 24), op. 35
(dal n. 15 al n. 24)
• Mauro giuliani, “le ore di apollo” op. 111 //studi op. 48 (esclusi i primi quattro)
• Matteo Carcassi, studi op. 60 (dal n. 11 al n. 25)
• Dionisio Aguado, studi dal metodo (terza parte)
• Napoleon Coste, studi op. 38

Secondo gruppo
• Emilio Pujol, studi dal iii o iv libro della “escuela razonada”
• Heitor Villa Lobos, dodici studi
• Mario Castelnuovo-tedesco, appunti op. 210
• Agustin Barrios, preludi e studi
• Leo Brouwer, studi semplici (dal n. Xiii al n. Xx)
• Bruno Bettinelli, 12 studi
• Altri studi moderni o contemporanei di analogo livello

2) programma (15 minuti) comprendente:
• Una o più composizioni di epoca rinascimentale o barocca (preferibilmente per liuto o strumenti similari)
• Una o più composizioni originali dell’ottocento
• Una o più composizioni originali del novecento o del xxi secolo

3) Lettura di una facile composizione a prima vista
4) Colloquio motivazionale
La commissione si riserva di interrompere la prova in qualsiasi momento.
Colloquio di carattere generale e motivazionale

PROVA COMUNE A TUTTI I CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO: Oltre ai programmi di sopra indicati gli studenti dovranno anche sostenere una specifica prova relativa a “Teoria ritmica e percezione musicale”. Si precisa che le prove potrebbero tenersi in giornate differenti come da calendario di successiva pubblicazione.

PROGRAMMA DELL’ESAME DI AMMISSIONE DI “TEORIA RITMICA E PERCEZIONE MUSICALE” PER TUTTI I CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO

AREA TEORIA MUSICALE: conoscenza dei codici di notazione, anche di quella contemporanea, e
Possesso dei concetti fondamentali del linguaggio musicale.

AREA EAR TRAINING: riconoscere, saper trascrivere e classificare, in un contesto funzionale, le
Strutture musicali fondamentali , quali: Strutture Ritmiche, Melodiche, Armoniche, Amalgama Timbrici e Strutture Formali.

PROGRAMMA D’ESAME

1) PROVA SCRITTA / TEST DI TEORIA MUSICALE:
Rispondere a quesiti relativi ai concetti fondamentali del linguaggio musicale e codici di notazione.

2) EAR TRAINING:
Trascrivere sotto dettatura:
• un brano musicale in stile polifonico e contrappuntistico (2 voci) eventualmente corredato
Dall’individuazione del percorso armonico.
• riconoscere, trascrivere e/o classificare, in un contesto funzionale, le fondamentali strutture
Ritmiche, melodiche, armoniche e cadenze.

 
Debiti attribuibili

Verranno assegnati debiti formativi agli studenti che, al momento dell’immatricolazione, non risulteranno in possesso dei seguenti titoli:
1) diploma di maturità rilasciato da un liceo musicale
2) certificazione pre-accademica, conseguita presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, di:
• Teoria, ritmica e percezione musicale
• Teoria dell’armonia e analisi
• Storia della musica
3) relative licenza del previgente ordinamento conseguite presso un Conservatorio italiano

L’assolvimento del debito deve avvenire entro la sessione autunnale del primo anno, se il debito è di durata annuale, oppure entro la sessione estiva del secondo anno se il debito è di durata biennale.

Gli studenti che non rientrano nei casi sopra citati ma che ritengono di possedere comunque un'adeguata preparazione al percorso accademico nelle predette discipline, possono iscriversi ai test di accertamento delle competenze di base facendo domanda sull'apposito modulo disponibile alla pagina http://www.consmilano.it/it/didattica/segreteria-didattica/modulistica/modulistica-triennio-e-biennio (Modulo richiesta/esonero test). L’esito del test determinerà l’eventuale assegnazione di debiti formativi parziali o totali.

Per maggiori dettagli circa l’assegnazione e l’assolvimento dei debiti formativi si fa riferimento al “Regolamento per l’attribuzione dei debiti e il riconoscimento dei crediti formativi per i corsi di diploma accademico di primo e di secondo livello” disponibile alla pagina: http://www.consmilano.it/it/conservatorio/statuto-e-regolamenti/regolamenti

 
Obiettivi formativi

Al termine degli studi relativi al Diploma Accademico di primo livello in Chitarra, gli studenti devono aver acquisito le conoscenze delle tecniche e le competenze artistiche specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica. A tal fine sarà dato particolare rilievo allo studio del repertorio più rappresentativo dello strumento - incluso quello d’insieme - e delle relative prassi esecutive, anche con la finalità di sviluppare la capacità dello studente di interagire all’interno di gruppi musicali diversamente composti. Tali obiettivi dovranno essere raggiunti anche favorendo lo sviluppo della capacità percettiva dell’udito e di memorizzazione e con l’acquisizione di specifiche conoscenze relative ai modelli organizzativi, compositivi ed analitici della musica ed alla loro interazione. Specifica cura dovrà essere dedicata all’acquisizione di adeguate tecniche di controllo posturale ed emozionale. Al termine del Triennio gli studenti devono aver acquisito una conoscenza approfondita degli aspetti stilistici, storici estetici generali e relativi al proprio specifico indirizzo. Inoltre, con riferimento alla specificità dei singoli corsi, lo studente dovrà possedere adeguate competenze riferite all’ambito dell’improvvisazione. E’ obiettivo formativo del corso anche l’acquisizione di adeguate competenze nel campo dell’informatica musicale nonché quelle relative ad una seconda lingua comunitaria.
 
Sbocchi occupazionali

Il corso offre allo studente possibilità d’impiego nei seguenti ambiti:
Strumentista solista
Strumentista in gruppi da camera
Strumentista in formazioni orchestrali da camera
Strumentista in formazioni orchestrali sinfoniche
Strumentista in formazioni orchestrali per il teatro musicale
 
Tipologia e modalità prova finale
Il candidato dovrà prodursi in un récital per chitarra sola con un programma di durata compresa tra i 30 e i 45 minuti di musica; esso comprenderà tre brani scelti tra:

• Una composizione in più movimenti di Johann Sebastian Bach***

• Una importante composizione originale per chitarra dell’Ottocento

• Una importante composizione originale per chitarra del Novecento o del Ventunesimo Secolo

*** Nota: per consentire l’inserimento in programma di un brano bachiano appartenente ormai da ben più di un secolo al repertorio chitarristico, la Fuga BWW 1000 (versione liutistica della Fuga BWV 1001, secondo movimento della Prima Sonata di Bach per violino solo), rispettando nel contempo l’esigenza di una esecuzione “in più movimenti”, l’allievo che opterà per la Fuga BWV 1000 la farà precedere dall’Adagio BWV 1001, primo movimento della Prima Sonata per violino solo. Date altresì le molte difformità che caratterizzano la versione liutistica della Fuga da quella violinistica, l’allievo avrà la facoltà di presentare il brano nella trascrizione dal liuto o dal violino.
 
Crediti prova finale
10  
Scala della media ponderata
110  

1° anno

Crediti previsti: 60/60 Crediti acquisiti: 0/60

2° anno

Crediti previsti: 60/60 Crediti acquisiti: 0/60

3° anno

Crediti previsti: 60/60 Crediti acquisiti: 0/60